Lab-IP

I Raggruppamenti Temporanei di Imprese nei nuovi appalti pubblici: le potenzialità allargate e i limiti posti dall’Anticorruzione

di CRISTIANO MERLUZZI 3 luglio 2017 Il presente studio è frutto di una riflessione che ha come incipit una particolare procedura di affidamento, della stazione appaltante Terna S.p.A., avvenuta nei primi mesi del 2017, e che permette di porre l’accento sulle molteplici e variegate forme sociali, imprenditoriali, consortili e/o federative

Le PMI innovative: la “fase due” del supporto pubblico all’imprenditoria innovativa

di ALESSIO PONTILLO   20/09/2017   L’investment compact e la PMI innovativa   La disciplina agevolatoria   1. L’investment compact e la PMI innovativa La disciplina di incentivazione e supporto delle c.d. piccole e medie imprese innovative, in Italia, nasce nel 2015, con l’investment compact, D.l. 24 gennaio 2015, n.

Il coordinamento tra amministrazioni in Germania: il sistema della Behördeanhörung

di CRISTIANO MERLUZZI 29 Marzo 2017                  In un’indagine sulla semplificazione dell’azione amministrativa in Germania, la Planfeststellungsverfahren (il procedimento di adozione di piani urbanistici) potrebbe apparire assai lontana dalla tematica, poiché francamente complessa e articolata. Tuttavia ci sono alcuni suoi aspetti oggettivamente ispirati dalle

Dal “too big to fail” al “too big to regulate”? La prevenzione delle crisi bancarie a confronto

  di Benedetta Barmann 22/04/16   Negli Stati Uniti la regolazione delle grandi banche appare sempre più come una disperata “corsa contro il tempo”. Lo segnala il New York Times in un articolo dal titolo “Banks still too big to regulate” pubblicato lo scorso 14 aprile. Il procedimento di controllo

Quel che rimane del T.P.L.: un frammentato mosaico in attesa di una sintesi.

di Alessandro Mariano 26/10/15 Esclusa la reviviscenza transitoria della normativa abrogata in conseguenza della particolare natura del referendum, quale atto-fonte dell’ordinamento, l’improvviso vuoto normativo creatosi è stato colmato con l’utilizzo della disciplina settoriale ancora in auge: un assetto basato prettamente sui principi generali dell’ordinamento comunitario, sui canoni giurisprudenziali della Corte

La proposta riforma del sistema portuale, i PRP e il caso inglese.

Federico Spanicciati Le legge 84/94 sul riordino della legislazione in materia portuale, rappresenta l’ultima legge sistematica di disciplina organica delle attività portuali e delle strutture amministrative preposte alla gestione dei porti. Tra le previsioni di tale legge emergono anche quelle sulla definizione e redazione dei Piani Regolatori Portuali (PRP), che

Il frastagliato quadro delle competenze in materia di gestione di rifiuti speciali: il ruolo dello Stato.

di Marta Maurino Le diverse forme e modalità di intervento dei poteri pubblici sono state predisposte in funzione del perseguimento dell’interesse pubblico quale principale ragion d’essere dell’organizzazione della pubblica amministrazione. In origine lo Stato offriva servizi ai propri cittadini, gestendoli in proprio o riservandone l’esercizio, a determinate condizioni, ai soli

Concetto di rischio operativo alla luce della Direttiva 2014/23/UE

di Ilaria Madeo Il 15 gennaio 2014 sono state approvate in materia di contratti pubblici tre importanti direttive ora in fase di recepimento: la direttiva n. 2014/24/UE avente ad oggetto appalti per i settori ordinari, la direttiva n. 2014/25/UE avente ad oggetto gli appalti per i c.d. settori speciali e

Regulatory takings: una “sfida senza pari”

di Cristiana Mangano Siamo inclini a ritenere che i problemi di legalità, i problemi di ingiustizie e quelli di “disparità” di diritti, siano una costante esclusiva del nostro paese. Crediamo che solo la nostra nazione sia nata e cresciuta sotto l’ala del malfunzionamento amministrativo, e che nel resto del mondo

Il nuovo silenzio-assenso nelle procedure di autorizzazione paesaggistico-territoriale. Una comparazione con Regno Unito, Francia e Germania.

La legge 7/8/15 n. 124, legge delega di riforma della pubblica amministrazione, introduce nella normativa urbanistica una novità rilevante, dal punto di vista d’impatto territoriale, contenuta nell’articolo 3. Questa novità, direttamente applicabile, si combina in generale con il lungo percorso di deregolamentazione dei titoli abilitativi all’attività edilizia e con il